Un libro e un caffè

"Leggere è sognare per mano altrui". Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine.

Mese: novembre 2018

Seconda tappa del blogtour dedicato al libro “Il virus benefico”

Buonasera! Questa sera, con molto piacere, ospito la seconda tappa del blogtour dedicato al libro “Il virus benefico” di Pierluigi Dadrim Peruffo.

La tappa si “chiama”L’uomo virus”.

Di seguito alcune informazioni sul testo e la biografia dell’autore.

Sino a quando continueremo a ritenere le parole più importanti dell’indivisa e viva realtà che esse dovrebbero indicare, il nostro destino non contemplerà altro che guerra e dolore.

Oggi l’uomo è un essere mostruoso, fornito tanto di testa e genitali giganteschi, quanto di un cuore e di un’anima minuscoli.

Se fate valutare un diamante da un maiale, il maiale lo mangerà come fa con ogni altra cosa e poi lo defecherà, fine, tutto qui!

La ragazza è bella? La vita è bella? Sì! Adesso vado a conoscerla, non le devo chiedere “Come devo muovermi con te?”. Devo solo dire a lei e a me stesso: “Bene! Qualcosa accadrà!”. E qualcosa accadrà sul serio!

Comportiamoci come un virus benefico, all’interno di un sistema malato. Diffondiamoci piano, silenziosamente…

Frammenti tratti dal libro:

In un mondo dominato dai conflitti e dall’ipocrisia c’è ancora spazio per l’individuo? La risposta è affermativa, ma arrivare alla certezza di questo fatto non è scontato. La complessità in apparenza inestricabile del nostro tempo va affrontata con una ragionevolezza che è l’esatto opposto della “razionalità” occidentale – quella stessa “razionalità” che si esprime anche nelle soffocanti convenzioni del quotidiano, nel mito delle “buone maniere”, e che ha trasformato l’intero mondo in un campo di battaglia. Occorre invece trovare una strategia di liberazione interiore, di affrancamento dalle menzogne, dagli opportunismi che spingono in egual misura gli individui, gli uomini di potere e i mass media – ciascuno nella propria sfera d’azione – a manipolare fatti, valori e sentimenti. “Il virus benefico” è la risposta ironica e accorata di Pierluigi Dadrim Peruffo a un tempo altrettanto paradossale: la scoperta di un senso critico e di una ragionevolezza nuova, un’inedita apertura mentale il cui corrispondente relazionale è un apparente rinuncia a se stessi, ai capricci di un ego trionfante – ma che come esito avrà la riscoperta di un “io” più maturo, più sereno di fronte ai casi della vita e davvero capace di condividere la propria esistenza con gli altri.

Biografia dell’autore: 

Pierluigi Dadrim Peruffo ha avvertito sin dalla tenera età il bisogno di intraprendere un intenso  lavoro di indagine esistenziale, e di comprendere profondamente l’animo umano, i suoi condizionamenti e la sua possibilità di liberazione. Per questo motivo nel 2005 si laurea in Filosofia, per poi ottenere, nel 2007, un master in Counseling filosofico. Dopo gli studi inizia a lavorare in diversi ambiti del sociale, occupandosi prevalentemente dell’educazione dei giovani e del benessere relazionale e interiore della persona. Nel 2008 inizia a condividere sul web domande, risposte e riflessioni su questi temi attraverso un blog.

 

“La stanza della tessitrice” di Cristina Carboni (Garzanti, 2018)

Mi piace moltissimo seguire gli autori nel loro percorso, soprattutto poi, se mi sono innamorata di una delle loro opere. In effetti “La rilegatrice di storie perdute” mi aveva completamente stregata e per questo nutrivo molta curiosità nei confronti del nuovo romanzo di Cristina Carboni, “La stanza delle tessitrice” e consiglio vivamente di non lasciarvi sfuggire la seconda opera della scrittrice sarda.

La struttura dei due testi è sostanzialmente la stessa: una parte ambientata nel passato e una nel presente, legate da un mistero, da un segreto imprigionato tra le pieghe del tempo. Anche l’atmosfera elegante, evocativa e un po’ rétro rimane intatta.

Questa volta la narrazione ci conduce in Sardegna, terra ricca di un fascino ancestrale, nella Lombardia dell’industria tessile e a Parigi, città della moda e degli artisti, sempre meravigliosamente “charmante”.

La protagonista è Caterina, una talentuosa creatrice di abiti che ha la capacità di dare nuova vita a vestiti già indossati, adattandoli alla personalità della committente e permettendole così di sentirsi completamente a suo agio nel nuovo capo d’abbigliamento, che diventa unico e speciale.

La giovane ha lasciato Milano per trasferirsi a Bellagio, ma rientra nel capoluogo lombardo per assistere la sua madrina Marianne che le chiede di intraprendere un’importante ricerca.

Il tentativo di riannodare i fili della vita della sua tutrice la porterà nella capitale francese e le farà “incontrare” idealmente Maribelle, stilista tanto leggendaria quanto misteriosa oltre che disegnare una nuova trama anche per il suo futuro (se vogliamo l’arte della tessitura e del cucito diventano metafore dell’esistenza i cui pezzi si uniscono come quelli di un vestito da imbastire e comporre).

La forza dei sentimenti, l’indipendenza femminile, la dolcezza e la complessità dell’amore, la potenza della creatività che può generare bellezza, la caparbietà e l’intraprendenza necessarie per rincorrere i propri sogni e anche i lati più oscuri dell’essere umano e della storia sono le colonne portanti di questo libro, reso prezioso da una scrittura armoniosa e delicata, da una storia che cattura l’attenzione e da personaggi ben tratteggiati che fanno breccia nel cuore del lettore, cuore e cura presenti in ogni riga e che  la Carboni riesce a trasmettere direttamente a chi si immerge nelle pagine di questo splendido volume.

“Romantic Italia. Di cosa parliamo quando cantiamo d’amore” di Giulia Cavaliere (Minimum Fax, 2018)

Una particolarissima playlist di canzoni d’amore, da gustare pagina dopo pagina, ma anche un  appassionante viaggio nella storia della musica italiana nonché un concentrato di critica musicale fatta con estrema competenza e di passione: questo è “Romantic Italia”.

Gli ottanta brani citati da Giulia Cavaliere hanno, a suo parere, rivoluzionato il modo di “cantare d’amore” e ciò viene dimostrato attraverso analisi puntuali e dettagliate dei pezzi dalle quali emerge  un notevole interesse per i testi e per il linguaggio utilizzato (le esegesi sono particolarmente pregevoli), per il contesto in cui sono nati e per la loro portata espressiva.

Sfilano in serie i nomi degli interpreti e dei cantautori nostrani più importanti come Battisti, Venditti, Fossati, De Gregori, Paoli, Ciampi (ne cito solo alcuni), per arrivare agli attualissimi Dente, Thegiornalisti e Liberato, che trattano il tema dell’amore offrendo un punto di vista sempre diverso. Che si tratti di puro romanticismo, di delusione sentimentale o di carnalità e trasgressione, nessuna sfaccettatura del sentimento più complesso che ci sia è trascurata nella selezione delle canzoni operata dall’autrice.

Accurato, ricco di informazioni e curiosità, scritto in modo magistrale, questo libro non ha nulla di didascalico o di eccessivamente tecnico, ma insegna tantissimo e induce anche a fare ulteriori ricerche per approfondire la tematica trattata.

Da ogni riga di “Romantic Italia” traspare in modo efficace quanto la musica sia qualcosa di tutt’altro che semplice e banale (è figlia non solo di una storia personale che porta a comporre qualcosa, ma anche dei mutamenti sociali e storici, come ho già avuto modo di evidenziare, ed è frutto di una ricerca formale e interiore senza la quale sarebbe priva di valore) e quanto essa, come la stessa autrice sostiene, entri nella vita di ognuno con leggerezza, ma anche in profondità.

Regalatevi, dunque, questo volume di notevole valore e anche piacevole da leggere (non ha uno stile pesante ed è molto scorrevole) o regalatelo ai musicofili di vostra conoscenza.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén